Salta il contenuto
Consegna in 4 giorni lavorativi
Spedizione gratuita per ordini superiori a € 25
Dupré e le eroine di campagna

Dupré e le eroine di campagna

 

Come Klimt Julien Dupré è figlio di un orafo.

Dupré nasce a Parigi nel 1851 e, prima di entrare nel negozio di gioielleria dei genitori, fa pratica in un negozio di merletti.

Nel 1870, a causa della guerra franco-prussiana, i Dupré sono costretti a chiudere bottega. È in questo periodo che Julien inizia a studiare pittura, prima frequenta i corsi serali di Arti decorative che poi gli danno accesso alla Ècole des Beaux Arts. 

Viaggio in Picardia

Qualche anno dopo viaggia nel nord della Francia e diventa allievo del pittore di genere naturalista e rurale Desire Laugèe.

Qui viene colto da due colpi di fulmine: il primo per la figlia di Laugèe, Eleonore, che diventerà sua moglie, e il secondo per il genere di pittura contadino e rurale.

Nel 1876 espone il suo primo quadro al Salòn che viene subito accolto e nello stesso anno si sposa con Eleonore.

 

Boulevard Flandrin numéro 20

Da questo momento per Dupré il tempo è come se magicamente si fermasse. Si stabilisce a Parigi al numero 20 di Boulevard Flandrin da dove, praticamente, non si muove più. Ogni anno espone i suoi quadri al Salòn, che li approva volentieri, e si dedica alla pittura all’aperto, in campagna, e nel suo studio parigino.

Julien Dupré non è il primo pittore che si dedica a soggetti bucolici e contadini, prima di lui troviamo Jean Francois Millet e Jules Breton, ma Dupré affronta il tema con leggerezza e non con toni cupi e da denuncia sociale.

Calma e freschezza nelle pennellate che si rifanno alla sua formazione accademica tanto gradita al Salòn.

La sua fama di pittore “specializzato” si diffonde in tutta Europa e negli Stati Uniti dove le sue opere sono molto apprezzate.

Donne contadine e animali da fattoria sono i soggetti da cui non si discosterà mai. Le sue figure sono finemente modellate, mentre i paesaggi di sfondo si sgranano e a volte sono realizzati a spatola.

I toni di colore in chiave alta danno vivacità e luminosità alla composizione.

Julien Duprè muore a Parigi nel 1910.

Il valore di Dupré emerge dalla sua “normalità” e nel suo lavoro meticoloso e coerente.

Gli manca una biografia movimentata, sofferta e drammatica: niente suicidi, omicidi, tragedie, rifiuti e drammi.

Solo una tranquilla vita di sana e bellissima pittura.

Articolo precedente David, pittore e politico con rivoluzione e ritorno.
Articolo successivo Telemaco, a che serve dipingere?

Lascia un commento

I commenti devono essere approvati prima di pubblicazione

* Campi obbligatori