Salta il contenuto
Spedizione gratuita per ordini superiori a € 25
Spedizione gratuita per ordini superiori a € 25

Le stampe preferite dai nostri clienti

Pitteikon nei Musei e nelle Mostre

Spedizione Gratuita

per ordini superiori a 25€

Pagamenti sicuri

Scegli tra più metodi di pagamento

Stampa da collezione

Numerata e firmata dall'autore A.G. Fadini.

Made In Italy

Riproduzione artigianale in carta a mano di Amalfi.

Dicono di noi

Appassionato di Giappone e soprattutto di Hokusai e Hiroshige ho provato ad acquistare delle stampe di questi due artisti giapponesi per appenderli in camera. Devo dire che sono più che soddisfatto dell'acquisto. Stampe perfette ....

Gabriele

La stampa è all'altezza delle aspettative,ottima qualità. Sono rimasta affascinata dalle Rose di Monet ed ora quando aprirò gli occhi al mattino mi illuminerà la giornata.

Alberta Popoli

Ottime stampe. C’è stato un disguido con le dimensioni, ma hanno rimediato in poco tempo e in maniera professionale. Lo consiglio.

Prussak

Guarda com'è fatta una stampa d'Arte Pitteikon

Mostre e Musei

  • Il russo Wassily Kandinsky a Rovigo
    Andrea Giuseppe Fadini

    Il russo Wassily Kandinsky a Rovigo

    A Rovigo nel Palazzo Roverella sono esposte 80 opere del pittore russo Wassily Kandinsky nello stesso periodo in cui, purtroppo, dobbiamo assistere alla guerra iniziata da un dittatore come quelli che hanno bandito la sua arte.
    Leggi adesso

Iscriviti alla newsletter

e ricevi subito uno sconto del 10% sul tuo primo acquisto

Novità dal blog

  • Dupré e le eroine di campagna
    Andrea Giuseppe Fadini

    Dupré e le eroine di campagna

    Dupré nasce a Parigi il 18 marzo 1851 e, prima di entrare nel negozio di gioielleria dei genitori, fa pratica in un negozio di merletti. Nel 1870, a causa della guerra franco-prussiana, i Dupré sono costretti a chiudere bottega. È in questo periodo che Julien inizia a studiare pittura, prima frequenta i corsi serali di Arti decorative che poi gli danno accesso alla Ècole des Beaux Arts.
    Leggi adesso
  • "Cristo morto" alla Pinacoteca di Brera
    Andrea Giuseppe Fadini

    "Cristo morto" alla Pinacoteca di Brera

    Tra il 1475 e il 1478 Andrea Mantegna prende una tela, cosa rara per l’epoca, di circa cm 68 per 81, colori a tempera e crea uno dei capolavori più sorprendenti di tutti i tempi.

    Come la Gioconda di Leonardo e la Fornarina di Raffaello, Mantegna tenne “il Cristo morto” sempre con sé.

    Leggi adesso