Salta il contenuto
Avete un dubbio o un'informazione da chiarire? Telefonate al 02 8295 2894
Spedizione gratuita per ordini superiori a € 25
E Giovanni si diede alla “macchia”

E Giovanni si diede alla “macchia”

Livorno, 6 settembre 1825, nasce Giovanni Fattori.

Il fratello Rinaldo ha 15 anni più di lui e un’attività bene avviata; il rapporto con Giovanni è quasi padre-figlio. Giovanni, comunque, ha difficoltà nell’integrarsi con gli ambienti che frequenta, che lo considerano pur sempre un popolano.

 

Questo incrementa il carattere ribelle e insofferente di Fattori, che si riflette non solo sul suo comportamento, ma anche sulle sue scelte artistiche.

 

A Firenze gli amici del Caffè Michelangelo ben ricordano la ferocia dei suoi scherzi e la turbolenza della sua vita sentimentale, che si acquieterà solo in tarda età, circondato dalle sue allieve.

 

Giovanni Fattori rifiuta gli insegnamenti accademici e si orienta verso una pittura, che si allinea alle nuove scoperte scientifiche sulla visione. Non c’è disegno e contorno, ma le figure si delineano per contrasto di colori. Nemmeno chiaroscuro: la profondità si crea con “macchie” di colore.

 

La sua affermazione inizia con i quadri che descrivono la vita militare e le battaglie risorgimentali e la sua influenza fu ancora più grande e importante, ispirando pittori come Pellizza Da Volpedo fino a Modigliani.

 

Scrisse: “La macchia è la solidità dei corpi di fronte alla luce” … e fu così che Giovanni si diede alla “macchia”.

Andrea Giuseppe Fadini

Articolo precedente Perché un doganiere divenne un artista famoso?
Articolo successivo Chi fu il pittore più ricco della storia?

Lascia un commento

I commenti devono essere approvati prima di pubblicazione

* Campi obbligatori